La stampante laser non si accende, che fare?

Che cosa bisogna fare quando la stampante laser non si accende? Prima di andare in un centro di assistenza è necessario adottare comportamenti corretti per prevenire eventuali guasti. Tutti i suggerimenti utili per mantenere più a lungo possibile la stampante laser efficiente prima che si spenga e non riparta più.

La stampante laser va mantenuta bene

La tecnica di una stampante laser non è così complicata: un po’ di polvere dal tamburo, un rullo, un foglio che carichiamo che scivolerà all’interno, un po’ di calore su di esso ed ecco fatto. La specialità delle stampanti laser è la stampa di documenti a colori o in bianco e nero di alta qualità.

Testo e colori sono nitidi e i risultati generalmente migliori di quelli delle stampanti a getto d’inchiostro. Ciò significa che le stampanti laser sono più costose delle stampanti a getto d’inchiostro. Tuttavia, le stampanti laser non sono immuni agli stessi problemi tecnici delle stampanti inkjet.

La pulizia della stampante può già farti risparmiare molti problemi. Pulisci l’esterno con un panno pulito e umido per non far penetrare lo sporco dentro.

È anche possibile spolverare e pulire l’interno della stampante con un piccolo aspirapolvere, prestando attenzione alle parti piccole della macchina. La diagnosi dei problemi con la stampante consentirà di identificare in modo più accurato l’errore riscontrato. Le stampanti più moderne visualizzano messaggi di errore sulle schermate dell’interfaccia o sul computer.

Per diagnosticare la stampante, apri le impostazioni del computer nel menu Start e digita Dispositivi nella barra di ricerca. Una volta nella finestra fai clic su Stampanti e scanner, trova la tua stampante nell’elenco e fai clic su di essa, puoi quindi diagnosticare i problemi. Prima di arrivare al punto che non si accenda più, segui alcuni semplici consigli per mantenerla sempre in perfetta efficienza.

Accorgimenti utili per preservare la stampante dai guasti

Per limitare gli inceppamenti della carta non superare il livello massimo di fogli accettato dal vassoio della carta e rimuovi quella stampata regolarmente. Usa carta con le specifiche accettate dalla stampante (formato, materiale e grammatura) e non inserire formati e tipi diversi nel vassoio.

Non aprire il vassoio della carta mentre è in corso la stampa, aspetta che la carta si esaurisca prima di aggiungerne altra. I fogli di carta dovrebbero essere piatti: non utilizzare carta sgualcita, piegata, strappata o umida. Per evitare difetti di stampa come bande orizzontali o verticali, problemi di allineamento eccetera, usa solamente materiali supportati dalla stampante (dimensioni, spessore, carta, lucidi eccetera) e seleziona il tipo corrispondente nelle impostazioni di stampa.

Non stampare mai su carta umida o danneggiata e appiattisci fogli e buste.

Se la carta ha solo un lato stampabile come quella fotografica, osserva la direzione di introduzione dei fogli. Stampa una pagina di prova della qualità per verificare lo stato delle testine di stampa e, se necessario, avvia la pulizia e l’allineamento.

Lascia sempre asciugare le stampe prima di archiviarle, impilarle o visualizzarle e non toccare il lato appena stampato. Per risultati ottimali, i produttori raccomandano di usare solo toner del proprio marchio prima della data indicata sulla confezione ed entro sei mesi dall’apertura.

Rimediare ai difetti di stampa che preannunciano un danno

Se la stampante laser a colori produce tinte scorrette o mancanti, verifica che non siano selezionate le opzioni scala di grigi o stampa bozza e regola opportunamente le impostazioni del colore. Pulisci le testine di stampa e agita il toner per eseguire alcune altre stampe con la polvere rimanente e, se necessario, sostituiscilo.

Se ancora le stampe vengono male, cambia il tamburo. Se la pagina è tinta o sembra sporca, usa carta con le specifiche accettate dalla stampante e posizionala correttamente. La stampante laser deve essere su una superficie piana e stabile. Per la stampa fronte-retro con immagini ad alta densità, considera di ridurre la densità di stampa e aumenta il tempo di asciugatura.

Mantieni puliti i componenti interni della stampante laser, quali rullo di trasmissione, forno, tamburo, eccetera.

Se la stampa è troppo lenta, chiudi tutte le applicazioni che non ti servono. Riduci il livello di qualità ma considera che, se stampi continuamente, la stampante potrebbe rallentare per evitare il surriscaldamento. Se è impossibile completare la stampa, controlla che ci sia abbastanza spazio sul disco rigido.

Se la stampante laser stampa immagini multiple indesiderate o con macchie di toner, usa carta accettata dalla stampante e selezionala nel driver. Sostituisci il tamburo e possibilmente l’unità di fissaggio (forno). Se alle stampe mancano delle parti, verifica che l’umidità non sia troppo elevata e regola la densità del toner.

Il forno, il cestello o l’alimentatore potrebbero essere difettosi e dover essere sostituiti. Se le pagine sono velate, pulisci il rullo di trasferimento, sostituisci il tamburo, oppure è l’unità di fissaggio che potrebbe essere difettosa. Un problema di alimentazione può anche essere la causa di questo errore.

Cambiare il tamburo della stampante laser

Il tamburo fotosensibile è il cuore della stampante laser o della fotocopiatrice. Trasferisce l’immagine stampata, composta dal toner, sulla carta. Un tamburo sporco o usato riduce notevolmente la qualità di stampa. Molte stampanti più piccole o molto economiche utilizzano cartucce di toner che, oltre alla polvere, contengono direttamente anche un tamburo fotosensibile.

Il tamburo è un robusto tubo di alluminio spesso da 1 a 2 millimetri, che è leggermente più grande rispetto alla larghezza massima di stampa.

Le particelle di toner ruotano sul rullo, sono attratte dal tamburo fotosensibile e trasferite sulla carta. Le particelle vengono fissate con l’unità di fissaggio chiamata fusore tramite calore e pressione. Col passare del tempo il rivestimento sul tamburo fotosensibile perde le sue proprietà fotoelettriche e soffre a causa di stress meccanici, ad esempio attraverso il contatto con la carta.

Innanzitutto dobbiamo assicurarci che il tamburo sia veramente difettoso o usurato e non solo che la cartuccia del toner sia vuota. Quando si scopre che il gruppo tamburo è difettoso o usurato, è possibile semplicemente aprire l’aletta della stampante dietro il toner. A seconda del tipo di dispositivo o del design, il tamburo è dietro al toner o sotto al toner.

È necessario prestare attenzione alle particolarità indicate dal produttore del dispositivo quando si cambia il tamburo. Quando si installa il nuovo tamburo, anche prima di essere disimballato, è necessario fare attenzione che possa essere inserito nella macchina il più rapidamente possibile e che non sia inutilmente esposto alla luce solare diretta.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma l’informatica è quello che preferisco perché lo conosco sin dalla nascita dei PC negli anni ’80. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e nuove tecnologie e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
Apri Menu
stampantelasermigliore.it